You are here: Home

Toscana solidale: le iniziative messe in campo dalla Regione per dare sostegno a cittadini e famiglie in difficoltà

PDF Print E-mail Scritto da Serena Paoli    Wednesday, 13 November 2013
toscana_solidaleLa Regione Toscana ha messo a punto e finanziato una serie di progetti contro la povertà, per il sostegno alle famiglie e ai lavoratori in difficoltà.

Non si tratta di assistenzialismo, ma di un aiuto concreto, ancor più necessario in tempi di crisi, per fare in modo che nessuno rimanga indietro e che chi ha meno o incontra più difficoltà, sia aiutato dal nostro sistema di protezione sociale.

La Toscana è solidale. In queste pagine tutte le informazioni utili per accedere agli aiuti.

La legge 45/2013, pubblicata sul BURT il 7/8/2013 ed entrata in vigore l'8/8/2013, modificata con la L.R. N. 54 del 14.10.2013, prevede quindi l'erogazione di diverse misure di sostegno :
• I bebè in arrivo troveranno qualcosa di buono ??
• Le famiglie numerose hanno problemi numerosi: togliamone qualcuno ??
• Un figlio disabile non sarà un figlio escluso ??
• Un piccolo prestito: i lavoratori in difficoltà non sono lasciati soli ??
• Se il debito è un problema grande come una casa ??

Per informazioni rivolgersi a:

• per i cittadini: URP Regione Toscana: numero verde 800860070, email This e-mail address is being protected from spambots, you need JavaScript enabled to view it
presso il Comune di Rio nell'Elba:
Ufficio Sociale Via G. Garibaldi, tel. 0565 943424 This e-mail address is being protected from spambots, you need JavaScript enabled to view it -oppure URP 0565 943459 This e-mail address is being protected from spambots, you need JavaScript enabled to view it

Alla presentazione delle istanze di contributo per le misure di sostegno alle famiglie di cui alla L.R.45/2013, adeguata alla modifica apportata alla stessa dalla Legge regionale L.R. 54/2013  la legge, in prima applicazione, istituisce le misure di sostegno finanziario per il triennio 2013, 2014 e 2015.
Il contributo a favore dei figli nuovi nati, adottati o collocati in affido preadottivo, ammonta a 700,00 euro (una tantum).
Il bonus riguarda i bambini nati a partire dal 1 gennaio 2013.

Per informazioni è disponibile anche il depliant informativo.

La responsabile dell'Area Amministrativa
Serena Paoli

 

Ultimo aggiornamento ( Tuesday, 17 December 2013 10:08 )